Un luogo destinato alla ricerca, alla sperimentazione, alla formazione e all’edutainment dove costruire nuove visioni sul futuro del cibo e della nutrizione

Inaugurato a Reggio Emilia CIRFOOD DISTRICT, il primo centro dedicato alla ricerca e alla sperimentazione per l’innovazione in ambito nutrizionale e food service.

CIRFOOD DISTRICT,  aperto il 22 ottobre 2022, è un luogo dove CIRFOOD, impresa cooperativa italiana leader nella ristorazione collettiva, commerciale e nei servizi di welfare, svolgerà le proprie attività di ricerca e sviluppo, in termini di prodotto, processo e servizio. È un hub dove si realizzerà la collaborazione tra il sistema pubblico e il settore privato, con l’obiettivo di favorire la collaborazione tra istituzioni, aziende, start-up, enti di ricerca, università, terzo settore e produttori coinvolti a vario titolo nello sviluppo di soluzioni innovative per le sfide locali e globali sul futuro del cibo e della nutrizione.

Il CIRFOOD DISTRICT, progettato con il supporto di UNISG e ispirato anche dal modello emiliano che concilia ricerca tecnologica con innovazione sociale, grazie a un concept architettonico open e a una piattaforma di eventi in modalità living lab, programmata in collaborazione anche con UNISG, sarà uno spazio polifunzionale dove conoscere, co-progettare e condividere idee e best practice.

“Siamo molto orgogliosi e felici di aprire, finalmente, le porte del nostro Cirfood District a tutta la comunità e al Paese. Un centro all’interno del quale partner, scuole, enti, start-up, aziende e università potranno contribuire concretamente a immaginare la ristorazione del futuro e a progettare soluzioni in grado di incrementare il benessere delle persone e del Pianeta” – ha commentato Chiara Nasi, Presidente di Cirfood –  Il Cirfood District sarà la casa dei co-innovatori, uno spazio dove cooperare per migliorare la società in cui viviamo”

Il building è stato progettato e costruito secondo principi di sostenibilità ambientale, primo a Reggio Emilia con la certificazione LEED GOLD, con particolare attenzione all’efficienza energetica, grazie anche all’adozione di una copertura verde e alla produzione di energia rinnovabile con pannelli fotovoltaici.

 UN SISTEMA INTEGRATO DI RICERCA GASTRONOMICA

Il Cirfood District è uno spazio unico nel suo genere, tra i pochi in Italia e in Europa con un sistema integrato di ricerca gastronomica (composto da Laboratorio Sensoriale, Cucina e Ristorante Sperimentale) realizzato con la collaborazione dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Una piattaforma partecipativa, aperta a tutti coloro che vogliono co-innovare e co-operare con CIRFOOD su progetti di ricerca applicata, attraverso iniziative ad hoc rivolte a enti e aziende, eventi ed esperienze con università e scuole per conoscere e approfondire le nuove frontiere della nutrizione e le esigenze della società.

A questo proposito afferma il prof. Michele Antonio Fino, professore associato e direttore della terza Missione UNISG: “Vedere oggi una realizzazione che ha tratto buono spunto e si è concretizzata anche grazie all’apporto di UNISG, che annovera CIRFOOD tra i propri partner strategici dal 2014, costituisce motivo di orgoglio, ma anche auspicio per future realizzazioni con altri membri del club dei Partner Strategici”

Cucina Sperimentale

Al piano terra, una cucina sperimentale fa da sfondo, tramite una vetrata, all’Agorà: uno spazio modulabile, con attrezzature su ruote completamente alimentate ad elettricità a consentire la massima trasformabilità dell’ambiente, dedicato alla sperimentazione di prodotti, di ricette, di processi di cottura e conservazione. Un luogo perfetto anche per la formazione del personale e, all’occorrenza, di dimostrazione delle modalità operative delle cucine del gruppo.

Laboratorio Sensoriale

La cucina è poi connessa ad un Laboratorio sensoriale, luogo dedicato all’analisi sensoriale di prodotti e preparazioni. Esso è costituito da uno spazio comune di valutazione collettiva – in affaccio sul giardino ad est – e da un’area di valutazione individuale con n.12 postazioni separate, realizzate a norma ISO, per consentire le prove nella massima concentrazione e isolamento.

Ristorante Sperimentale

Uno spazio destinato a “ristorante sperimentale” – contiguo alla cucina e al laboratorio sensoriale in un sistema integrato di ricerca gastronomica– rappresenta poi un ampio spazio flessibile dedicato prioritariamente all’analisi dei feedback di utenze specifiche rispetto alla verifica di particolari menu, ricette, modalità di servizio, format distributivi. Tale ambiente è caratterizzato da ampie vetrate, opportunamente schermate, aperte sui tre lati, con possibilità di fruire anche degli spazi aperti verso la sede attuale dell’impresa.

Oltre al sistema integrato dio ricerca gastronomica, nel CFD troviamo:

Agorà

Il fulcro del centro di innovazione è rappresentato dallo spazio centrale dell’Agorà: un open space a doppia altezza, sul quale affacciano i vari ambienti dell’edificio, e intorno al quale ruotano i percorsi e i sistemi di risalita, percorsi finalizzati a introdurre una dinamica fluida e armonica degli spazi coerente con la volontà di generare sinergie produttive tra le attività in corso.

Tale spazio centrale ospiterà le attività comuni, quali incontri, conferenze, eventi, showcooking. Esso costituisce poi lo spazio di ingresso e accoglienza, in cui un’installazione sospesa – il cloud – crea una scenografia in movimento capace di restituire al visitatore un’anteprima dei contenuti e delle attività ospitati nel CIRFOOD DISTRICT.

CFD Experience

Tramite la gradonata-auditorium dell’Agorà, il percorso di attraversamento del CFD consente poi un’esperienza diffusa, incentrata sulla cultura del cibo e alle migliori storie d’innovazione.

Area workshop – coworking

Al piano primo è previsto uno spazio modulabile e aperto, che ospiterà start up del settore food, che cercano non solo una sede fisica, ma una piattaforma culturale e di pensiero per concretizzare le proprie idee. Per questo, in modalità open innovation, CIRFOOD mette a disposizione i big data, una grande esperienza nella ristorazione organizzata e degli spazi utili alla ricerca e alla sperimentazione.