Tutti i Corti, i Documentari e i Lungometraggi del Migranti Film Festival 2019!

I Corti


“The love immigrants” di Mónica Hernández Rejón
(Svezia, 2019, 18’) – Prima proiezione italiana

‘The Love Immigrants’ è un docu-film che riflette su cosa significhi per le donne latinoamericane e transgender trasferirsi in Svezia per amore. Ispirati dalle storie di migrazione, vogliamo esplorare le sfide che le diverse coppie interculturali devono affrontare nella Svezia di oggi. Il film mira a rendere visibile la complessità e la diversità dell’esperienza di essere immigrati in un paese che, nonostante sia noto per avere una società aperta e progressista, ha ancora forti strutture di potere che creano squilibri all’interno di diverse coppie interculturali.

https://youtu.be/za04nMbZt9k


“Simbiosis” di Achmad Rezi Fahlevie
(Indonesia, 2018, 15’) – Prima proiezione italiana

Rukman Supriatna, chiamato anche signor Anang, è un pescatore tradizionale di Pangandaran, zona occidentale di Giava. Per andare in mare, deve prendere in prestito denaro e si ritrova con varie difficoltà: Anang deve quindi cercare un lavoro temporaneo per soddisfare i bisogni della sua famiglia.

https://youtu.be/UanEflR1HWc


“La tierra que habitamos” di Marco Aurelio Celis
(Messico, 2019, 4’) – Prima proiezione italiana

È un cortometraggio che ritrae la condizione di due migranti di nazionalità diverse, che si trovano nella stessa città e con lo stesso scopo … trovare la felicità e realizzare il sogno americano. Ustin (Haiti) e Douglas (Honduras) recitano una poesia in cui esprimono i loro sentimenti e le frustrazioni dopo aver fatto un lungo viaggio per raggiungere la città di Tijuana.


“A bit of this & a bit of that” di Jake Gill
(Regno Unito, 2018, 7’) – Prima proiezione italiana

Nascosto tra i vicoli del vivace Northern Quarter di Manchester si trova This & That, un piccolo caffè indiano di proprietà di Ismail Mallu, un migrante indiano di prima generazione che è arrivato nel Regno Unito nel 1966 durante i massimi picchi di migrazione dal subcontinente indiano. Attraverso la sua arte culinaria, Ismail è stato in grado di arricchire la cultura di Manchester fino al punto in cui il piatto chiamato “riso e tre” è diventato effettivamente un alimento base della città. Egli continua a celebrare le sue radici indiane, ma è stato apertamente accettato come figura esemplare nella società mancuniana. All’interno dei confini spaziali del ristorante, è possibile trovare avventori che provengono da una vasta gamma di etnie, religioni, generi e età diverse, ma tutti si riuniscono per spezzare insieme il pane (o naan) e condividere il delizioso cibo offerto. Ismail ha una doppia identità; è in parte indiano e in parte mancuniano, un po ‘di questo e un po’ di quello.

https://youtu.be/-N2xJZCVA3M


“Daughter’s table” di Heui Song Son
(Corea del Sud, 2018, 17’) – Prima proiezione italiana

Un cortometraggio musicale su tre sorelle che cucinano un pasto delizioso per la loro madre malata terminale. “Daughter’s Table” segue tre sorelle adulte che si precipitano dalla madre dopo aver ricevuto la notizia della sua malattia. Mentre sono insieme, si trovano a fronteggiare la stessa rivalità tra sorelle che ha caratterizzato la loro crescita.

https://youtu.be/104pj1_jgzQ


“The apricot tree” di Gideon van Eeden
(Olanda, 2018, 16’) – Prima proiezione italiana

Un vedovo intollerante fallisce nell’intento di curare l’albero di albicocco della sua defunta moglie. Quando i suoi tentativi vengono interrotti da un rifugiato trovato addormentato nel suo capanno da giardino, impara come trovare una soluzione.

https://youtu.be/WZn4Ns84B_w


“Ècharpe noir” di Barbara Fuentes
(Brasile, 2018, 15’) – Prima proiezione italiana

Nel mezzo del caos urbano, a volte perdiamo la capacità di vedere la bellezza delle cose comuni, ma la ricerca di questa sensibilità è una tale spinta umana che finiamo per cercare in molti luoghi ed esperienze. Martha e Thiago lo trovano l’uno per l’altro: tuttavia Thiago ottiene una borsa di studio per studiare all’estero e trascorre un anno lontano da Martha. Questo amore riuscirà a sopravvivere alla distanza?

https://youtu.be/Raxa_5lcuEg

I Documentari


“Royak romance” di Christine Seow
(Singapore, 2019, 22’) – Prima proiezione italiana

Si tratta di un documentario sulle vicende di una coppia mista e le diverse prospettive della loro relazione mentre cercano di ottenere l’approvazione dalle loro famiglie. In questo docufilm, una giovane coppia di razza mista (lui un Tamil malese di origine srilankese, lei una cino-americana) si interroga i diversi background religiosi, le aspettative sui futuri figli e l’incontro delle rispettive famiglie, mentre ragiona su come coesistere come coppia multirazziale, che vive a Singapore. Attraverso il viaggio personale di Tinesh e Jane, Rojak Romance esamina la storia e l’identità della comunità tamil dello Si Lanka.

https://youtu.be/2l5EYnNTV2s


“Golden fish, african fish” di Thomas Grand
(Senegal, 2018, 60’)

La regione della Casamance, nel sud del Senegal, è una delle ultime zone di pesca tradizionale dell’Africa occidentale. Affrontando la crescente minaccia delle compagnie di pesca industriale e le dure condizioni di lavoro, i pescatori della Casamance contribuiscono alla fornitura di cibo (e sicurezza alimentare) di molti paesi africani. Ma ancora per quanto tempo?

https://youtu.be/yMWRUjihblw


“Buried seeds” di Andrei Severny
(USA, 2019, 74’) – Prima proiezione italiana

Buried Seeds è una vera storia senza tempo di passione umana, forza di volontà e reazione di fronte alle avversità. Il film segue la stella Michelin Chef Vikas Khanna nel suo viaggio come immigrato. Nato con i piedi storti, Vikas è vittima di bullismo da parte dei suoi compagni di classe. Khanna si rifugia nella cucina delle sue nonne e scopre la sua passione per le tradizioni della cucina indiana. All’età di 29 anni, Vikas si trasferisce a New York senza un soldo e finisce in un rifugio per senzatetto. Attraverso anni di lotte e duro lavoro, Vikas apre il suo primo ristorante indiano a Manhattan. Vikas Khanna diventa uno degli chef più influenti al mondo e un ambasciatore culturale della sua nazione. Mentre ricchezza e gloria possono essere transitorie, ciò che veramente lo definisce è la volontà di ‘creare’ se stesso ogni singolo giorno.

https://youtu.be/UknczE0befM


“Shrouding the clouds” di Hao-Chung Chan
(Taiwan, 2018, 90’)

Yunlin, una contea nella parte occidentale di Taiwan, significa letteralmente “foresta delle nuvole”, e deve il nome alle sue tipiche fitte foreste e ai paesaggi nuvolosi. Con il passare del tempo, le foreste di questo paese delle meraviglie, che si basa principalmente sull’agricoltura e la pesca, sono gradualmente scomparse; rimangono solo le belle nuvole. Da lontano, è ancora puro e tranquillo.

https://youtu.be/2kY_GdGXEwI


“Mirò. Las huellas del olvido” di Franca G. Gonzales
(Argentina – Ecuador, 2018, 90’) – Prima proiezione italiana

Nel nord di La Pampa c’era una città che oggi giace coperta dalla soia. La sua vita fu interrotta bruscamente nel 1912 e ben poco sopravvisse nella memoria degli abitanti della zona. Quattro anni fa, i ragazzi di una scuola rurale hanno scoperto che qualcosa brillava nella pianura. C’erano migliaia di frammenti sparsi e rimossi dall’aratro. “Miró” scava in quel passato nascosto e inafferrabile. 110 anni dopo, qualcosa pulsa per emergere sotto un orizzonte di pianure infinite.

https://youtu.be/UXpZsyF0SdU


“My home, in Lybia” di Martina Melilli
(Italia, 2018, 66’)

Antonio Melilli è uno dei 20.000 italiani costretti ad abbandonare la Libia nel 1969, in seguito al colpo di stato di Gheddafi. A partire dalle memorie del nonno, nato e cresciuto a Tripoli tra gli anni ‘30 e gli anni ‘60, quando la Libia era colonia italiana, la regista traccia una mappa dei luoghi appartenuti a quel tempo passato, e li rintraccia nella Tripoli di oggi, facendoli ripercorrere ad un giovane libico, Mahmoud. Martina e Mahmoud si sono conosciuti solo attraverso internet, ma questa nuova amicizia rivela quanto è difficile vivere a Tripoli e comunicare con il resto del mondo da quando la milizia ha preso il controllo della città.
My home, in Libya racconta il senso di appartenenza ai luoghi, la memoria individuale e collettiva e come essa lavori sui ricordi, così come il mezzo digitale fa con le immagini.

https://youtu.be/ubbquleZbeM


“Dove bisogna stare” di Daniele Gaglianone e Stefano Collizzolli
(Italia, 2018, 98’)

Il film è costruito sull’intreccio di tre ritratti di donne di differenti età e provenienza che, spinte da un’urgenza individuale, hanno deciso di occuparsi di migranti al di fuori di ogni consolidata struttura di accoglienza. Sono ritratti intimi, volti a restituire lo stupore per come queste donne agiscono, più che complesse riflessioni sul perché di questo agire, e ad indagare la rete con cui esse sono in relazione: gruppi di volontari, gli abitanti del territorio e i migranti che in quel territorio vivono, spesso per costrizione e non per scelta. Le protagoniste si muovono e si raccontano in momenti di intimità, in un necessario spazio di pausa dal fluire quotidiano, in cui il mondo rimanga fuori dalla porta e in cui, più che rispondere a delle domande, si possa trovare il tempo di farne emergere altre, per rivendicare motivazioni che appaiono limpide in contrasto con il chiacchiericcio aggressivo e superficiale che prevale, nella narrazione dominante, intorno alla questione delle migrazioni.

https://youtu.be/czN0wye0LA4

I Lungometraggi


“Three august days” di Madli Lääne
(Estonia, 2018, 20’) – Prima proiezione italiana

Nel bel mezzo degli sconvolgimenti politici dei primi anni ’90, una ragazza estone e un ragazzo russo superano i confini culturali attraverso una bottiglia condivisa di soda americana.


“Benzinho” di Gustavo Pizzi
(Brasile-Uruguay-Germania, 2018, 95’) – Prima proiezione italiana

Irene sta crescendo quattro figli turbolenti in una casa che si sta sgretolando. Mentre Irene consola la sorella Sonia (che si è appena liberata da un matrimonio instabile) e sostiene il proprio marito, il figlio maggiore, Fernando, annuncia che è stato reclutato da una squadra di pallamano professionista in Germania e partirà tra tre settimane. Irene è felicissima all’idea che il sedicenne possa emanciparsi, così da poter viaggiare e vivere da solo.

https://youtu.be/HrJTJ1wfJrc


“Il vegetariano” di Roberto San Pietro
(Italia, 2019, 109’)

Krishna, un giovane immigrato indiano figlio di un brahmino, vive nella campagna emiliana e lavora come mungitore. Quando una mucca improduttiva sembra destinata al macello, Krishna sarà costretto a fare una difficile scelta che lo obbligherà a fare i conti con un nucleo secolare di convinzioni come la metempsicosi e il rispetto per tutte le forme di vita.

https://youtu.be/_n_4FMQtL2Q