Ricerca Accademica

PRIN2022

COLTA – Collettivi a tavola

COLTA – Collettivi a tavola si propone di indagare il fenomeno della ristorazione collettiva attraverso un’innovativa metodologia interdisciplinare che integra le prospettive semiotica, antropologica, estetico filosofica, ecologica e di service design.

Informazioni preliminari

RESPONSABILE SCIENTIFICO: Nicola Perullo

ALTRI RICERCATORI UNISG COINVOLTI: Franco Fassio, Maddalena Borsato

PARTNERSHIP: Università di Palermo (Italia), Politecnico di Milano (Italia)

DURATA DEL PROGETTO: 24 mesi (ottobre 2023 – ottobre 2025)

STRUMENTO DI FINANZIAMENTO: Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Progetto di Rilevante Interesse Nazionale Descrizione (PRIN) 2022 – 2022TM7WEJ

AREA DI RICERCA UNISG PREVALENTE: Percezione e Qualità

SDGs:

 

Descrizione

Il progetto parte dall’assunto che la ristorazione collettiva propone un certo modo di stare a tavola, ma anche un’idea di comunità e di collettivo, costituito a partire da un complesso insieme di relazioni che legano soggetti, oggetti, valori, spazi, ricette, ritmi temporali e forme di convivialità. All’interno di questo mondo si intrecciano questioni legate allo sviluppo sostenibile, politiche, comunicative, igienico-sanitarie, educative, nutrizionali, tecnologiche, gustative, di cui il progetto intende rendere conto. Ci si dovrà chiedere da quali attori è composto questo collettivo, quando si può parlare di ristorazione collettiva e quanto un collettivo si può costituire a partire dalla gastronomia e dalla sua messa in scena. In tal senso studiare la tavola della ristorazione collettiva costituirà un modo originale di indagare ben più ampie dinamiche sociali.

Essenziale sarà una ricognizione del passato: remoto (con un’indagine storico-antropologica dei rituali a sfondo religioso che ruotano attorno alla condivisione del desco) e prossimo (focalizzato sulla nascita e lo sviluppo del fenomeno della ristorazione collettiva, legato alla società industriale e ai connessi cambiamenti di stili di vita).

Si passerà alla ricognizione del presente, fortemente condizionato dalla recente pandemia, la quale, se da un lato ha messo in crisi il settore, dall’altro ha introdotto notevoli opportunità di cambiamento. La sfida è oggi quella di sganciarsi dai classici stereotipi associati al mondo della ristorazione collettiva (luoghi privi di identità che offrono una gastronomia di massa, omologante, di scarsa qualità) per proporre nuovi valori e nuove offerte, adatte a diverse esigenze e caratterizzate dall’attenzione al territorio e da un modello di sviluppo ecosostenibile. L’indagine del presente sarà condotta su un doppio binario:

  1. field (discorsi della ristorazione collettiva) con interviste a esponenti del settore, studi di realtà aziendali e indagini etnografiche di concrete pratiche di fruizione da parte degli utenti;
  2. desk (discorsi sulla ristorazione collettiva), in cui verranno analizzati campagne di comunicazione, documenti programmatici, film e blog, tutti testi che, parlando di ristorazione collettiva, costruiscono un discorso estetico-sociale-ecologico intorno al fenomeno.

L’obiettivo è quello di rivolgersi al futuro, procedendo alla definizione di trend e scenari di sviluppo, nonché di linee guida utili per dirigere, con rinnovata consapevolezza, l’attuale dibattito sulla ristorazione collettiva in cui sono coinvolti amministratori, chef, associazioni di settore. COLTA è un progetto caratterizzato da forti valenze etiche e politiche, il cui studio si rivela cruciale in questo momento storico.

 

Sito web

In aggiornamento

 

News dal progetto

In aggiornamento

 

Pubblicazioni

In aggiornamento

 

Avvisi

In aggiornamento