Pollenzo: presentati gli chef ospiti delle Tavole Accademiche 2016

Presentazione ufficiale del Calendario Tavole Accademiche 2016 oggi venerdì 5 febbraio nell’Aula Magna dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Tavole Accademiche 2016

Ormai entrate nel quarto anno di attività, le Tavole Accademiche, innovativa mensa universitaria pollentina,  hanno inaugurato un nuovo modo di fare ristorazione collettiva di eccellenza, portando tra le mura del nostro ateneo un centinaio di chef e osti da ogni continente, cultura, tradizione ed esperienza.

Come sempre il calendario vede alternarsi cuochi stellati italiani e stranieri, così come giovani talenti promettenti ed osti della tradizione regionale: il tutto all’insegna della cucina di territorio, creativa, attenta ai costi e alle produzioni stagionali . Quest’anno sono ben 10 le nazioni rappresentate: Italia, Austria, Slovenia, Francia, Danimarca, Russia, Turchia,  Perù, Australia, Stati Uniti. E sono 15 le stelle presenti in campo: 5 chef con una stella e 5 con due stelle Michelin.

Panoramica_presentazione_tavole_accademiche_2016

Introducono i 25 nuovi nomi Eugenio Signoroni, curatore della guida Osterie d’Italia di Slow Food insieme a Carlo Petrini, presidente dell’ Università di Scienze Gastronomiche. Accanto a loro, un ospite d’eccezione: Fulvio Pierangelini, tra i più noti chef italiani, patron del mitico Gambero Rosso di San Vincenzo.


 

Ecco gli chef delle Tavole Accademiche 2016.

Alfio Ghezzi, Locanda Margon di Trento (una stella Michelin *) – Italia

Maurizio Quaranta, ristorante La Speranza di Farigliano (CN) – Italia

Pierpaolo Livorno, ristorante Albergo dell’Agenzia di Pollenzo, Bra (CN) – Italia

Famiglia Tramis, ristorante Lilith – Masseria Copertini di Vernole (LE) – Italia

Andrea Ribaldone, ristorante Due Buoi di Alessandria (una stella Michelin *) – Italia

Paolo Lopriore, Appiano Gentile (Co) – Italia

Johann Reisinger, chef indipendente – Austria

Marc Lanteri, Ristorante Al Castello di Grinzane Cavour (CN) (una stella Michelin *) – Italia

Federico Zanasi, ristorante Snowflake di Cervinia (AO) – Italia

Ana Ros, ristorante Hisa Franko di Caporetto – Slovenia

Fulvio Pierangelini, già Gambero Rosso di San Vincenzo (LI) – Italia

Studenti UNISG, The Edible Commandments, Pollenzo, Bra (CN) – Italia

Pedro Miguel Schiaffino, ristorante Malabar di Lima – Perù

Anthony Genovese, ristorante Il Pagliaccio di Roma (due stelle Michelin **) – Italia

Jock Zonfrillo, ristorante Orana di Adelaide – Australia

Torsten Vildgaard, ristorante STUD!O di Copenhagen (una stella Michelin *) – Danimarca

Eugenio Boer, ristorante Essenza di Milano – Italia

Norbert Niederkofler, ristorante Sant Hubertus di San Cassiano (BZ) (due stelle Michelin **) – Italia

Moreno Cedroni, ristorante Madonnina del Pescatore di Senigallia (AN) (due stelle Michelin **) – Italia

Cristina Bowerman, ristorante Glass Hostaria di Roma (una stella Michelin *) – Italia

Mauro Colagreco, ristorante Le Mirazur di Mentone (due stelle Michelin **) – Francia

Gennaro Esposito, ristorante Torre del Saracino di Vico Equense (NA) (due stelle Michelin **) – Italia

Musa Dagdeviren, ristorante Ciya di Istanbul – Turchia

Richard Landau & Kate Jacobi, ristorante Vedge di Philadelphia – Stati Uniti

Vladimir Mukhin, ristorante White Rabbit di Mosca – Russia