La Campania dei prodotti di eccellenza enogastronomica al centro del viaggio didattico degli studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN)

Campania 21.-26.05.2012 248 Campania 21.-26.05.2012 336  Campania 21.-26.05.2012 185

Dal 20 al 25 maggio dieci studenti dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, iscritti al primo anno della laurea triennale, parteciperanno a un viaggio didattico in Campania.

Antonio Tubelli definito l’ultimo monsù di Napoli darà il benvenuto agli studenti lungo le vie del centro storico di Napoli per poi condurli, in serata, presso il suo locale Timpani e Tempura dove avrà luogo un laboratorio sulla “cucina di strada”.

Il programma consentirà poi di approfondire la conoscenza del patrimonio enogastronomico del Casertano, incontrando gli operatori delle aziende produttrici ed eseguendo attività didattico-laboratoriali presso l’Istituto Alberghiero Ferraris di Caserta, guidato dalla dirigente Antonietta Tarantino.

Del Casertano i prodotti oggetto di studio saranno: il maiale nero casertano, i vitigni pallegrello e casavecchia (aziende Terre del Principe e Selvanova), la mozzarella di bufala campana dop (Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop) e il conciato romano, Presidio Slow Food (azienda Le Campestre).

Gli studenti avranno poi modo di scoprire le tradizioni di Agerola, nel Napoletano, dove si tutela l’arte di antiche lavorazioni: il provolone del monaco e il fior di latte agerolese (azienda Naclerio); i taralli e il pane biscottato (Forno Antico Ruocco); capicolli, salcicce, guanciali (salumificio Cardone); il liquore di mirto e carrubo (l’Alambicco).

Tappa di grande rilievo sarà la visita presso i “vitigni estremi” di Marisa Cuomo a Furore. Domenico Ferraioli e Marisa Cuomo trascorreranno una giornata in cantina e in vigna con gli studenti.

La storia della pasta, le tecniche di produzione e gli aspetti commerciali saranno approfonditi presso il Pastificio Garofalo, appartenente al Consorzio dei pastai gragnanesi.
I laboratori sul pomodoro San Marzano, sul carciofo violetto di Castellamare (Presidio Slow Food), e sulla pizza saranno organizzati presso l’azienda agricola di Sabato Abagnale, da anni a fianco delle attività educative promosse dall’Università di Pollenzo.

L’ultima giornata gli allievi con la Condotta dei Monti Lattari concluderanno le attività con un laboratorio sul pesce azzurro presso il Bikini di Vico Equense di Giorgio Scarselli.

Il viaggio didattico sarà sostenuto da: pastificio Garofalo, Istituto Alberghiero Isis Ferraris di Caserta (dirigente Antonietta Tarantino); Comune di Agerola (sindaco Luca Mascolo); Azienda Terra Amore e Fantasia; Cantina Marisa Cuomo.

Un ringraziamento a Slow Food Campania, in particolare ai fiduciari coinvolti: Concetta Aiello della Condotta Slow Food Monti Lattari e Francesco Marconi della Condotta Slow Food di Caserta e a Donatella De Nuptiis responsabile attività UNISG in Campania.