Food, Philosophy and Art – Convergence Pollenzo

convergence

 

Giovedì 4 e venerdì 5 aprile l’Università di Scienze Gastronomiche organizza “Food, Philosophy and Art – Cibo, Filosofia e Arte – Convergence Pollenzo”, un convegno internazionale per dibattere, capire e confrontarsi sulla relazione tra cibo e arte e per vedere il cibo e la cucina attraverso le lenti dell’estetica e della filosofia.

Per la prima volta ci si propone di rispondere alla domanda “Il cibo può essere arte?” e discutere in modo approfondito e performativo su questa e altre tematiche, mettendo a confronto, in una prospettiva trans-disciplinare, cuochi, filosofi e semiologi, studenti e artisti, ricercatori e appassionati.

I temi trattati riguardano la capacità creativa dei cuochi, ma anche lo statuto stesso dell’arte nell’epoca della riproducibilità tecnica, le immagini e l’estetizzazione della vita quotidiana: quale arte per la cucina? esiste un’arte naturale nel cibo? quale è il rapporto tra estetica ed etica per l’esperienza gastronomica? che relazione c’è tra immagine, suono, gusto?

Tra i relatori interverranno Richard Shusterman, filosofo americano, fondatore della somaestetica e autore di “Estetica pragmatista”, Harald Lemke, filosofo tedesco, autore di “L’arte del cibo”, Paolo Fabbri, semiologo e docente in numerosi atenei italiani (tra i quali lo IULM di Milano e la Luiss di Roma) e esteri, Gianfranco Marrone, semiologo e docente all’Università di Palermo, Oscar Farinetti, imprenditore e fondatore di Eataly, Daniel Patterson, chef del ristorante “Coi” di San Francisco, Massimo Bottura, chef dell’Osteria Francescana di Modena, Davide Scabin , chef del “Combal.Zero” di Rivoli, Andrea Petrini, giornalista, food writer e direttore creativo di Cook It Raw! , Roy Paci, musicista, Andrea Salvetti, artista.

La formula del convegno, la cui direzione scientifica è del prof. Nicola Perullo, docente di Estetica e Filosofia del gusto, si propone di essere innovativa e interattiva e vede la partecipazione di un gruppo di studenti UNISG nell’organizzazione dell’evento stesso.

Sono previsti tre tipi di attività:
– conferenze mattutine di 30 minuti
– short talks ovvero presentazioni brevi di 15 minuti di esperti e addetti ai lavori
– laboratori pomeridiani con interazione tra esperti, studenti e ospiti con proiezioni e materiali audiovisivi.

Inoltre, nella giornata di giovedì, l’artista Andrea Salvetti allestisce “Sculture da fuoco – An edible piece of art”, un’opera d’arte commestibile.

Non solo comunicazioni frontali, quindi, ma interazione tra competenze e prospettive diverse, per un think tank complessivo sul presente del pensiero alimentare che parte dalla questione dell’arte.

I relatori e partecipanti in ordine di presenza:

  • Piercarlo Grimaldi, rettore dell’Università di Scienze Gastronomiche
  • Carlo Petrini, presidente dell’Università di Scienze Gastronomiche
  • Nicola Perullo, filosofo e docente all’Università di Scienze Gastronomiche
  • Richard Shusterman, filosofo
  • Massimo Bottura, chef
  • Harald Lemke, filosofo
  • Daniel Patterson, chef
  • Tiziana Andina, filosofa
  • Carola Barbero, filosofa
  • Robert Valgenti, filosofo
  • Andrea Borghini, filosofo
  • Marcello Arcangeli, Training Center Lavazza
  • Alessandra Bianco, Relazioni Pubbliche Lavazza
  • Eleonora Cozzella, giornalista e food writer
  • Norbert Niederkofler, chef
  • Andrea Salvetti, artista
  • Oscar Farinetti, imprenditore e ideatore di Eataly
  • Paolo Fabbri, semiologo
  • Ryan Bromley, chef e ricercatore
  • Andrea Petrini, giornalista e food writer
  • Davide Scabin, chef
  • Gianfranco Marrone, semiologo
  • Delfo Cecchi, filosofo
  • Dario Mangano, semiologo
  • Bob Noto, gastronomo
  • Roy Paci, musicista

Direzione scientifica di Nicola Perullo, con la collaborazione degli studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche: Daniela Bieder, Maria Cobo, Emanuel Lobeck, Charlotte Maverly, Leora Meidan, Myram Pinkas, Alessia Rossino, Sebastian Sardo.

Per info e prenotazioni clicca qui: https://www.unisg.it/eventi/convergence-pollenzo/