Caterina Ceraudo, una “Stella” calabrese alle Tavole Accademiche di Pollenzo

In cucina la giovane Caterina Ceraudo, una stella Michelin e Premio Donna Chef  2017 per la Guida rossa, del ristorante Dattilo di Strongoli, in provincia di Crotone

Trent’anni, Premio Donna Chef 2017 per la guida Michelin, al timone di un ristorante con una stella, il  Dattilo, nel cuore della Calabria: questa è Caterina Ceraudo, una chef giovane e talentuosa, che anima con passione il locale di famiglia a Strongoli e che cucina alle Tavole Accademiche lunedì 13 e martedì 14 novembre.

Caterina ha un percorso folgorante: dopo la laurea in Enologia e Viticoltura a Pisa, frequenta la Scuola di Alta Formazione di Niko Romito a Castel di Sangro. Quindi ritorna nella sua Calabria rurale, tra i vigneti, uliveti e agrumeti curati dal padre, e inizia ad occuparsi del ristorante di famiglia.

La maggior parte dei prodotti usati in cucina proviene dalle terre di proprietà: i suoi piatti, inoltre, rappresentano un perfetto incrocio tra terra e mare, specchio fedele della sua regione e della collocazione del ristorante Dattilo.

Il suo approccio alla cucina è animato da una fortissima passione e determinazione: l’essere donna e così giovane non ha fermato la sua volontà. Accanto ai crescenti successi e apprezzamenti, è arrivata anche la stella Michelin, a premiare un talento inconsueto, in un luogo, la Calabria, lontano dai centri nevralgici delle mode culinarie.

A Pollenzo Caterina porta uno dei suoi menù, all’apparenza semplice, ma denso di ricerca, significato e rispetto del prodotto. Si inizia con una zuppa autunnale, quindi cavatelli con pomodoro arrosto, peperoncino limone e ricotta, a seguire maiale, patate e fichi, per finire con spugna di nocciole.


Maggiori informazioni sulle Tavole Accademiche >


mensa5


© Instagram photo credits: @alfdelforno  @chelscall  @dariaratiner  @efifield94 @eleninii  @gianlucabitelli @itsnotjustaboutfood  @michalevit  ©Marcello Marengo