FAO, Slow Food e UNISG per la difesa della biodiversità e la lotta allo spreco alimentare

DSC_2532

25 Marzo 2013, Bra – “Produttori su piccola scala, produzione locale e circuiti di consumo e la riscoperta delle colture tradizionali sono fattori che giocano un ruolo importante nella riduzione della fame” ha detto il direttore generale della FAO Josè Graziano da Silva a professori e studenti dell’Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo oggi, notando inoltre le numerose possibilità di collaborazione tra la FAO e l’ateneo, al fine di implementare una visione comune di un mondo sostenibile e senza il dramma della fame.

Ad accogliere il direttore generale FAO, il Rettore dell’UNISG Piercarlo Grimaldi che ha affermato: “Noi ci sentiamo molto vicini alla missione ideale e sostanziale della Fao, che ha come scopo la lotta contro la fame nel mondo e il diritto per ogni uomo a una congrua nutrizione. La Lectio Magistralis che si appresta a pronunciare sarà l’occasione per un’approfondita riflessione su temi che appartengono al nostro ideale percorso formativo e scientifico e rappresenta un compiuto riconoscimento all’operato della nostra Università. Quale ringraziamento alla sua presenza a Pollenzo vogliamo farLa partecipe di una espressione proverbiale. Il pane rappresenta non solo il cibo del mondo, ma è anche una delle più importanti misure del mondo. ‘Buono come il pane’ si usava dire fino a poco tempo fa per comparare la pagnotta con altri prodotti alimentari, ma soprattutto per comparare il vissuto di una persona, per esaltarne le virtù. Buono come il pane’, una formula popolare, parte di un complesso sapere proverbiale che Erasmo da Rotterdam definiva Adagia, e che oggi possiamo ridefinire con l’intelligenza del presente algoritmo contadino, ancora utile per reinterpretare il mondo e altrettanto importante e prezioso quanto l’intraducibile algoritmo che genera la rete digitale. Della tradizione del pane una vasta parte del mondo non sa più nulla, perché priva dei saperi del passato, dell’artigianale fabrilità della famiglia e della comunità. La pasta del pane che lievita nella notte nella madia della famiglia contadina e che al mattino viene portata al forno comunitario per la cottura, attiene a un patrimonio gastronomico profondo, a un più vasto saper fare procreativo che la famiglia del presente non possiede più, che getta stoltamente il pane non consumato nella giornata. È anche a partire da questa piccola memoria della tradizione che noi vorremmo condividere con la sua Istituzione il nostro contributo scientifico e formativo nella spartita speranza di un più sostenibile futuro”.

De Silva ha affermato che la Rivoluzione Verde degli anni ’60 ha incrementato l’accesso al cibo di oltre il 40% pro capite, ma a scapito della perdita della diversità alimentare a causa di un’attenzione eccessiva su alcune colture, oltre al danno ambientale dovuto all’uso intensivo di prodotti chimici.

“Recentemente si è sviluppato un trend nei confronti della coltivazione e del commercio di cibi tradizionali, dello sviluppo delle infrastrutture locali e dei mercati, trend che sta aiutando i produttori su piccola scala. Tutto ciò è stato fondamentale per l’ambiente e l’economia delle aree rurali, dove la fame si faceva sentire di più” ha sostenuto Graziano da Silva.

“Le colture sotto-utilizzate possono avere un impatto positivo sulla sicurezza alimentare. Recuperare queste colture è una strada verso la sicurezza e la salubrità del cibo. Significa anche riscoprire sapori perduti e identificarne di nuovi. È qualcosa che unisce tutti voi ai poveri di tutto il mondo”  ha detto il Direttore Generale FAO al pubblico dell’Università di Scienze Gastronomiche.

Graziano da Silva ha poi citato la cassava in Africa e in Sudamerica, e la quinoa delle Ande come prodotti spontanei, che costituiscono un importante aiuto per i coltivatori poveri e le loro famiglie. Ha incoraggiato inoltre il pubblico in sala a sostenere e diffondere quello che è l’Anno Internazionale della Quinoa, che si celebra quest’anno.

Quindi Graziano da Silva ha ricordato come il movimento internazionale Slow Food lavori con la FAO ad un progetto per mappare la biodiversità in quattro Stati africani: Guinea Bissau, Mali, Senegal e Sierra Leone. Il progetto ha aiutato gli agricoltori a diffondere le loro produzioni alimentari tradizionali anche sui mercati dei paesi sviluppati del nord del pianeta.

“Questa connessione con i mercati completa un circolo virtuoso: riscoprire colture tradizionali, supportare la produzione locale connettendola con i mercati, permettendo così un aumento della rendita dei contadini” ha detto Graziano da Silva. “Il vostro interesse nella riscoperta di cibi diversi è un modo per riconoscere il valore culturale del cibo, un valore che è spesso dimenticato nel mondo globalizzato e veloce odierno” ha concluso.

In chiusura Carlo Petrini, presidente dell’Università di Scienze Gastronomiche ha voluto ringraziare il Direttore Generale per la sua presenza e la sua lectio: “ Per noi questa è un’occasione per sviluppare ulteriormente il lavoro congiunto tra Slow Food, Università di Scienze Gastronomiche e FAO. In particolare ci troviamo in linea su due punti: la difesa della biodiversità (come già la nostra collaborazione sui quattro paesi africani dimostra) e il lavoro di sensibilizzazione contro lo spreco del cibo. Un tema, quest’ultimo, particolarmente sentito dalle giovani generazioni come quella dei nostri studenti”.

Infine Carlo Petrini ha ricordato come il rapporto tra la FAO e l’Università di Scienze Gastronomiche possa costituire, per l’ateneo di Pollenzo, una opportunità per diventare sempre più un luogo aperto dove le idee e i progetti si intrecciano e dove studenti e docenti continuino a lavorare in modo sempre più creativo”.

Scarica gli interventi del Rettore UNISG e del Direttore Generale FAO: